L’importanza dell’Anatomia del Piede nello Sport

settembre 8 2014, 0 Commenti

L’importanza dell’ Anatomia del Piede nello Sport

 Qual’è l’imporatanza del Piede nello Sport?

Come è strutturato il Piede?

Si tratta di una struttura anatomica fondamentale, perché su di essa agiscono tutti i carichi generati dal movimento corporeo, sia nell’attività sportiva che nella vita di tutti i giorni.

Il piede è formato da 26 ossa, 28 se si contano le ossa sesamoidi, numerosi muscoli e complesse articolazioni.

Si distingue in:
Avampiede: in cui si trovano le ossa delle falangi e dei metatarsi;
Mesopiede: in cui si trovano l’osso cuboideo, i tre cuneiformi e lo scafoide tarsale;
Retropiede: in cui si trovano l’osso astragalo e calcagno.

Il piede non poggia completamente sul terreno ma ha una volta plantare, delimitata da tre archi, detti archi plantari, situati in un lato della superficie plantare del piede, denominati arco trasverso, arco longitudinale mediale e arco longitudinale laterale.

Gli archi plantari hanno la funzione di distribuire il peso corporeo.

Durante le varie attività sportive, un esempio la corsa podistica, la presa di contatto con il suolo avviene in un primo tempo con tallone seguito subito dall’esterno del piede mentre la superficie di appoggio aumenta sino a che il corpo passa al di sopra di essa: l’arto inferiore cede, piegando, all’impatto; per cui l’atleta assesta la presa al suolo del piede ammortizzando il movimento del baricentro verso il basso con conseguente rallentamento della velocità orizzontale.

Terminata la fase di ammortizzazione, inizia la parte positiva dell’azione del piede con l’applicazione della forza sul terreno e la distensione dei muscoli estensori della gamba.

Per questo la scelta della scarpa da calzare riveste un ruolo fondamentale nello Sport in quanto se non risulta idonea in futuro potremmo avere una serie di patologie sia a carico del piede che a  carico delle strutture sovrastanti.

Le più frequenti patologie del piede si suddividono in Fascite Plantare e  tendinite Achillea di contro il “famigerato” dolore Lombare per le strutture sovrastanti.

Seguendo le catene muscolari potremmo arrivare ad avere problemi in qualunque punto della  catena muscolare fino ad arrivare alla zona occipitale.

Quindi anche una Cervicalgia, una Dorsalgia potrebbero dipendere da una scarpa scarica o da tacchi troppo alti che utilizzati giornalmente, possono creare una situazione di alluce valgo come  nel piede delle donne.

Quindi per scongiurare problemi al Piede per chi si avvicina all’ attività sportiva sarebbe importante effettuare una valutazione baropodometrica per capire dove il peso viene distribuito sul piede e dove viene smistato a livello degli archi http://www.fisioteambari.it/.

La maggior parte delle scarpe consumate sui lati o a livello della zona calcaneare dipendono da un  tipo di appoggio errato del piede.

A questo punto fare una valutazione sull` eventualità di utilizzare un buon plantare che eviti appoggi errati.

Avere un ottimo plantare con delle buone scarpe nuove o comunque non scariche, (sarebbe utile farsi consigliare da un esperto) con una seduta preventiva dall`osteopata http://www.fisioteambari.it/chi-siamo/, significa iniziare attività sportiva in maniera ottimale.

Buon allenamento.

Dr.Ft. Giuseppe De Palma

 

Commenti chiusi.

Giovanni Putignano - Allenatore di Basket e Life Coach Professionista - Copyright 2013