Come migliorare le Performance?

dicembre 2 2016, 0 Commenti

Il  Progetto parte dalla necessità di rispondere alla domanda che nasce da un bisogno collettivo:

Come migliorare le Performance?

Come migliorare l’Autoefficacia attraverso la Medicina dello Sport?

Come migliorare l’alimentazione dello sportivo?

Basket, Alimentazione e Medicina dello Sport è il nuovo Progetto promosso dall’Asl  di  Taranto in collaborazione con la squadra di Pallacanestro del Cus  Jonico Taranto.

Tale  percorso partirà dalla metà di Settembre e prevede un primo incontro conoscitivo tra Staff, Società ed Atleti per poi articolarsi con  più sedute nell’arco dell’anno e concludersi intorno alla metà del mese di Giugno 2017.

La  società del Cus Jonico  Taranto attualmente impegnata nel terzo campionato di  basket maschile girone D attiverà il percorso partendo dalla prima domanda:

“Come migliorare le Performance”?

Il lavoro in “Team Building” afferente  al Progetto sarà avviato dalla Asl di Taranto nella persona del Direttore Dott. Conversano Michele  dalla  società del Cus Jonico nella figura  del  Direttore Generale Dott. Conversano Roberto.

Il Percorso migliorativo e formativo si avvarrà della collaborazione  del Coach  Giovanni Putignano, della Dott. Liuzzi, della Psicologa Dott. Capraro , del Medico dello Sport Dott. Perseo

Il corso porterà a  sviluppare  la capacità di migliorare le Performance di ciascuno Atleta,   sia Fisiche che Mentali e  la conoscenza della Profilassi, concludendo  il  percorso di conoscenza e sviluppo delle patologie derivanti dal Doping sportivo.

Cos’è la Performance?

Il dizionario definisce la Performance come l’esecuzione delle funzioni richieste a una persona” ma questo non suona tanto diverso da fare il minimo necessario per cavarsela.

Questo secondo il Progetto non è la giusta definizione di Performance.

La vera Performance è andare oltre  ciò che si aspetta, riuscire a  stabilire i propri standard elevati, standard che superano invariabilmente ciò che gli altri si aspettano o pretendono.

È tutta una  questione di Performance.

In questi anni il mondo dello Sport è fortemente  cambiato, raggiungere la massima performance ed essere in grado di esprimerla al momento  giusto è un imperativo, riuscire  a  cogliere i frutti dell’allenamento sportivo al momento  giusto deriva non solo dalle Potenzialità Tecniche e fisiche ma anche da una sana e  corretta alimentazione e soprattutto evitando l’utilizzo di prodotti dopanti.

Stabilire gli Obiettivi

Prima  di specificare quali siano gli obiettivi  necessari per il raggiungimento delle migliori Performance bisogna fare riferimento al  noto Scrittore “Sielgman” che indicava un paradigma importante: “Quando  Voglio farlo, ottengo risultati migliori di  quando devo farlo. “Voglio farlo per me, devo  farlo per te.”

Ma quali sono le differenze tra un Campione ed un buon atleta?

È  difficile rispondere a questa domanda, però  possiamo affermare che sia l’aspetto fisico che mentale e clinico medico ricoprono un ruolo importante, anzi, determinante.

Per questo una corretta e sana alimentazione, una giusta predisposizione mentale e la capacità di riconoscere la negatività del doping fanno si  che  l’atleta e la squadra realizzi la migliore Performance, per vincere vincitore la competizione sportiva.

Fallire o non essere giustamente preparati, è come prepararsi a fallire durante la fase agonistica per evitare questo bisogna seguire delle sane  abitudini alimentari,   schemi mentali.

Gli  aspetti  che svilupperemo durante  il nostro percorso sono quelli che faranno la differenza in quanto permetteranno di migliorare sia il lavoro in palestra che un ‘alto grado di motivazione intrinseca.

Sensibilizzando  gli  atleti a migliorare durante  il percorso significa  riuscire a controllare i processi motori del pensiero, dirigere e  mantenere l’attenzione su un compito specifico sviluppando anche la  capacità  di essere massimamente focalizzati.

La Motivazione

Tra i primari compiti  che il percorso si prefiggerà di realizzare è  motivare ogni singolo atleta ail raggiungimento  degli obiettivi proposti da parte  dallo staff.

La Motivazione è, quindi, il Motore dell’Azione.

La motivazione nasce dentro di noi e si realizza e sviluppa all’interno di noi attraverso alcuni  fattori  chiave come: la realizzazione  personale, il successo  e soprattutto attraverso il soddisfacimento di un bisogno personale (Maslow), ma la passione è sicuramente un fattore cruciale.

Quindi il percorso affronterà tutte le possibili varianti derivanti  da  ogni singolo soggetto sia a livello intrinseco che estrinseco.

Il risultato a fine corso sarà quello di

Individuare e raggiungere obiettivi sfidanti;

Scoprire, utilizzare e allenare le potenzialità inespresse;

 

Costruire piani d’azione concreti;

 

Migliorare i rapporti interpersonali (amicali, affettivi, professionali, ecc.);

 

Trovare un maggior equilibrio tra la vita professionale e privata;

 

Migliorare la comunicazione e le relazioni interpersonali;

 

Superare le conflittualità;

 

Gestire lo stress;

 

Migliorare la motivazione;

 

Migliorare l’autostima e l’autoefficacia personale;

 

Aumentare la produttività;

 

Sviluppare processi organizzativi;

 

Creare una mentalità vincente al servizio dei risultati;

 

Superare la noia, l’ansia, lo stress, le paure;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti chiusi.

Giovanni Putignano - Allenatore di Basket e Life Coach Professionista - Copyright 2013