Come Gestire lo Stress nel Basket

ottobre 8 2014, 0 Commenti

Come Gestire lo Stress nel Basket

Per Migliorare le proprie Performance Tecniche e Mentali

 

Cosa è lo Stress?

La parola Stress è da sempre associata a fattori negativi, ad uno stato di squilibrio emotivo,  in Medicina lo Stress viene definito come la Sindrome di Adattamento in cui la Tensione e l’Emozione inducono il nostro organismo al rilascio di Adrenalina e Cortisolo, la prima (adrenalina) interviene aumentando il Battito Cardiaco con conseguente  dilatamento delle prime vie respiratorie e nel restringimento dei Vasi sanguigni, la seconda (cortisolo) consiste nello sviluppo di un ormone che si fa trovare pronto nei momenti del Bisogno(pericolo).

Come Gestire lo Stress nel Basket?

Nell’ Ambito Cestistico lo Stress è la componente fondamentale per divenire  Campione , l’Atleta che riesce a gestire  l’ambiente, il timing delle azioni offensive e difensive e riesce a riconoscere lo stimolo stressante, affrontandolo, per  cercare di convertire l’energia emotiva in energia da riciclare all’interno delle proprie Performance sportive, è il vero campione.

I Campionati di Basket Nazionali sono ricominciati, la prima giornata è già nel dimenticatoio, e più si andrà avanti,  maggiore sarà lo  Stress accumulato dagli Atleti.

Saper gestire lo Stress nel Basket significa innanzitutto  riconoscere lo stimolo stressante, essere capaci di affrontarlo e riuscire a trasformare l’energia emotiva, in capacità utilizzabili ai fini della performance.

Lo Stress si divide in due sezioni molto differenti definite  Eustress e Distress.

La prima  è lo stress di tipo positivo,  presente nel momento in cui la combinazione di stimoli esterni, associati con le risorse fisico atletiche dell’Atleta, creano uno stato positivo.

La seconda,  viene prodotto quando gli Stressor (le sollecitazioni) di prevalente carattere negativo generano un turbamento che si manifesta a livello fisico, con dei sintomi tipo  irrigidimento, tensione del corpo che non ti fa sembrare naturale.

Questo tipo di Stress è generato nel momento in cui si lavora solo per raggiungere Obiettivi di Risultato.

Nel Basket giocato la presenza dello Stress si manifesta  con la presenza di questi Sintomi:

Irrascibilità

Nervosismo

Sudorazione eccessiva

Affanno

Lievi  svenimenti

Aumento della Fame o Inappetenza

Disturbi dell’Intestino come Diarrea, Nausea, Vomito, Acidità

Con questi Sintomi l’Atleta disperde energie e forze Fisiche, e durante la partita avvengono i due effetti chiamati Freezing e Fuga.

Freezing sta per “congelamento” delle proprie capacità tecniche per esempio immaginiamo l’atleta che non riesce a gestire lo Stress e si limita solo a passare la palla, non partecipa attivamente e con intensità a tutte le situazioni di gioco, per cui ,  si genera un effetto Morto dinanzi alle difficoltà che dura fino alla scomparsa dello  Stressor Condizionamento.

Fuga invece consiste nello sfuggire  dalla difficoltà, con adrenalina presente in tutto il Corpo e soprattutto totale perdita di lucidità quindi difficoltà ad essere razionale e riflessivo durante la partita, per esempio fare subito 5 falli per escludersi dal gioco, nella fase di sviluppo offensivo e compiere dei fondamentali d’attacco con palla al massimo della velocità e senza coordinazione.

Come gestire lo Stress?

La bacchetta magica o la formula vincente non esiste poiché il livello di Stress da affrontare e risolvere dipende dalla percezione soggettiva di ogni atleta e dalla forza interiore di opporsi al problema.

Più utile è individuare delle linee guida sulla gestione dello stress in ambito sportivo (e non solo), affinché esse possano essere reinterpretate soggettivamente.

Gli atleti professionisti nel mondo del Basket, sono costantemente sottoposti a carichi di stress che derivano dallo stile di vita, dall’ assetto emotivo, dagli allenamenti e dalle gare che producono Stress fisico.

Gestire  Distress, inteso come Stress di tipo negativo, si può realizzare solo se si è  consapevoli e si ha la percezione del proprio corpo, e solo se si riesce  controllare il respiro soprattutto nel momento in cui bisogna affrontare lo  Stressor, ma sopratutto è necessario cercare di  rilassarsi attraverso il buon umore, per questo tutte le squadre vincenti hanno sempre avuto al loro interno   l’Atleta che viene definito“sdrammatizzante.

Gestire l’ Eustress, definito di tipo Positivo si può, bisogna però cercare di  adattarsi all’ambiente circostante e ai nuovi compagni di squadra, prendersi del tempo per sé, ascoltare musica e immagini che migliorano lo stato d’animo generale, imparare a visualizzare i gesti tecnici e di collaborazioni sia di tipo difensivo che offensivo insieme ai propri compagni, infine allenarsi mentalmente  http://http://www.giovanniputignanocoach.it/coaching/l-allenamento-mentale/ .

 Per gestire lo  Stress bisogna conoscere se stessi.

Buon Lavoro!

 

 

 

Commenti chiusi.

Giovanni Putignano - Allenatore di Basket e Life Coach Professionista - Copyright 2013